Etruria Storie e Segreti edizione 2019

October 12th, 2019 Tagged with:

prima copertina for riviste

 

Decimo  libro   dell’autrice  Mary Jane Cryan  sulla zona di centro  Italia-la Tuscia/Etruria.

Sarà  presentato al pubblico  sabato  7  dicembre, ore  16  al Museo della Città e del Territorio, Via  Porta Marchetta, Vetralla.

 

 

Prime  recensioni

In “Etruria Storie e Segreti” l’autrice Mary Jane Cryan, novella Beatrice dantesca, ci accompagna con grazia e  rigore storico, fra le comunità e i paesaggi della Tuscia.

Rivisita e racconta  i luoghi già scelti, nel proprio Grand Tour, da viaggiatori antichi e contemporanei. Narra tradizioni e riti. Svela avvenimenti storici inediti. Spiega le connessioni e la grande influenza che l’Etruria viterbese  ha avuto a livello internazionale.

In sintesi la Cryan, con il suo neutrale punto di vista (qualità che ha solo chi non è nato in questi luoghi) arricchisce la storia del nostro territorio. Del resto è un ruolo che svolge da anni in conferenze illustrate (enrichment lectures), descrivendo la cultura e l’ambiente della Tuscia ai turisti curiosi  e studenti stranieri.

Il libro è anche una dichiarazione d’amore per la terra che ha scelto come casa. Una terra caratterizzata da luoghi meravigliosi e caratteri rudi, un luogo di contrasti e conflitti che la rendono unica e distinguibile dal resto del Lazio, dalla Toscana e dall’Umbria.

Leggendo con interesse ed attenzione il libro torna in mente un brano tratto dal “Viaggio in Italia”  dello scrittore e giornalista Guido Piovene: “Nel Viterbese collinare resta un fondo d’aroma cortigiano e popolaresco; e quella morbidezza, quel gusto della festa, della scampagnata e del cibo, quell’amore del desco familiare che erige ad affari di Stato la purezza del vino e dell’olio del proprio campo, retaggi d’una civiltà paternalistica. Tuttavia il suo popolo è tra i più miti, di una gentilezza antica, affabile, ed incline al rispetto”. Rispetto, appunto, che merita il lavoro di Mary Jane Cryan e che merita, soprattutto, la Tuscia, terra di contrasti.  Andrea  Natali

 

Back to the top